Intervista a Kevin Williamson

Kevin Williamson parla del futuro di “The vampire diaries” e del perchè la scuola superiorie “è un film dell’orrore”.
29 ottobre 8.57
Oltre ad aver ideato la trilogia di “Scream”, lo scrittore / produttore Kevin Williamson è l’uomo responsabile dell’adolescenziale ansia di “Dawson’s creek” che divenne l’importante show trasmesso dalla WB alla fine degli anni novanta. Ora è al timone di “The vampire Diaries”, fino ad ora lo show più riuscito dal lancio della CW 2006. La settimana scorsa, la rete non ha sorpreso nessuno acquistando ufficialmente nove episodi oltre ai 13 a cui si sta già lavorando.

Nonostante sia estremamente occupato–non solo con lo show, ma con la stesura del quarto “Screm” (sì, è vero!) – Williamson si è lasciato del tempo per parlarmi di quello che vedremo d’ora in avanti adesso che “The vampire Diaries” è stato scelto per una stagione intera. Mi ha dato dei suggerimenti su cosa,per ora ,aspettarsi dall’episodio speciale di Halloween di stanotte adesso che la cattiva ragazza Vicki è stata trasformata ufficialmente in un vampiro, e mi ha chiarito il procedimento di casting non-così-liscio delle stelle Nina Dobrev ed Ian Somerhalder.
Innanzi tutto, congratulazioni per essere state ufficialmenti scelti per altri nove episodi dal canale televisivo.
Grazie! E’ molto eccitante. Ci hanno chiesto i copioni in anticipo, percìò avevamo avuto delle avvisaglie.
Voi avete ricevuto un grande sostegno dal canale televisivo, arrivato dopo la premiere che ha ricevuto gli ascolti più alti di sempre. Non sono riuscita ad andare al centro commerciale senza incrociare ad ogni svolta almeno un poster di “The vampire diaries”.
Stai parlando del Centro Commerciale Century city fuori L.A.? Non potevo crederci; era stato semplicemnte tappezzato di poster di “Vampire Diaries”. E’ stato un bel cambiamento di ritmo avere tutto questo supporto. La squadra del marketing ha fatto un incredibile lavoro con la campagna pubblicitaria, e le previsioni erano buone.
Duqnue parliamo di questo episodio di Halloween a cui siete giunti. Vicki è appena stata trasformata in vampiro, la grande domanda è Vicki sarà un vampiro buono o un vampiro cattivo?
Bene, lo sapete, lei ha delle dipendenze. Ogni transizione è diversa nella nostra mitologia, e si porta con se qualche tratto chiave della personalità che viene ingigantito. Tutte le sue dipendenze vengono ingrandite adesso che è un vampiro. Sembrerà una mente bipolare. Quando , nella nostra mitologia, si è trasformati in vampiri, si è confusi. La voglia di nutrirsi si mescola alle emozioni come l’amore, la passione il desiderio. Colpisci sempre le persone che ami di più! Così Vicki è più pericolosa per persone come Jeremy. E’ la stessa cosa che accade a Stefan quando va su di giri vicino ad Elena- quando sono vicini e i suoi occhi si infiammano- amore e desiderio sono scatenanti.
Non posso aspettare di vedere la reazione di Matt ai cambiamenti in sua sorella. Zach Roerig sta facendo un ottimo lavoro con il suo personaggio.
Zach è un ragazzo che tenevo sotto controllo già da un pò. L’ho portato nel canale televisivo per “Hidden Palms,” ma alla fine quel ruolo è andato a Taylor [Handley]. Zach non era tagliato per quel ruolo, ma quando è venuto fuori il personaggio di Matt ho pensato subito a lui. Stavamo scoprendo lentamente questi personaggi. La nostra priorità è di presentare il triangolo Elena , Stefan e Damon, ma entreremo nella testa di Matt andando avanti nella stagione.
Cosa ci dice di Bonnie?So che capiremo qualcosa in più su di lei nei prossimi episodi
Scopriremo qualcosina in più sulla storia della famiglia di Bonnie e sui suoi poteri. Vedremo cosa succederà con sua nonna. Avremo un episodio in cui approfondiremo la storia regressa dell’intera cittadina, con le streghe i vampiri e cosa hanno significato per la storia di Mystic Falls- Ho sempre considerato “Vampire Diaries” come una sorta di moderna ripresa di “Dark Shadows”. C’è così tanta storia in esso.
Una delle cose che amo di “The Vampire Diaries” è l’ambientazione in una piccola città. Lo rende ancora più inquitante. In più è di sollievo una piccola cittadina per questo show, per uscire dall’ambiente di “90210” e dall’ Upper East Side.
Non so relazionarmi con le luminose grande città. Ero un ragazzo di una piccola cittadina, così questo è ciò che conosco. Se guardi a uno qualunque dei miei progetti , sono tutti in piccoli paesi. Wasteland si svolge a New York City,ma anche in quello, io stavo scrivendo di un gruppo di persone che venivano da una piccola cittadina.
Guardando avanti al ruolo di Arielle Kebbel come vecchia amica Stefan. Lei darà una scossa al rapporto tra Elena e Stefan?
Lei arriverà e fomenterà le cose in modo positivo. Non voglio far trapelare molto, ma sarà un gran personaggio, un ruolo molto eccitante.Stavamo appunto guardando quell’episodio. Molto spaventoso ma al contempo molto emozionale.
Lo show si gira ad Atlanta. Stai molto là?
No. Ero li spesso nel periodo dei preparativi, ma sono così impegnato qui a scrivere e nella post-produzione. Julie (Plec)va ad Atlanta un pò. Siamo così fortunati ad avere Marcos Siega, il nostro supervisore alla produzione, e lui sta molto ad Atlanta. Dirige circa ogni tre episodi, ed è responsabile per l’aspetto ed il tono dello show. Lui è la per assicurarsi che la qualità dello show stia ai livelli dei nostri standard. Non abbiamo un budget molto alto, ma credo che riusciamo a tenere il passo di show con budget molto più alti, e questo grazie a Marcos.Dagli una lampadina e lui farà sembrare tutto bellissimo.
Ho apprezzato il suo lavoro in “Lost Girls,” il quinto episodio. I flashbacks erano bellissimi.
Avremo altriflashbacks. Ovviamente. Non li abbiamo ancora scritti, ma abbiamo un episodio in previsione.Una delle storie che non vedo l’ora di raccontare è la notte in cui Damon e Stefan muoiono. Sarà uno dei momenti più grandi. Non posso aspettare di raccontare come sono morti e la loro trasformazione.
Quanto siete preoccupati dei paragoni con “Twilight” e “True Blood” ? Quando scrivi, stai attento a non riciclare le storie?
Assolutamente. stiamo molto attenti. Non vogliamo sopraffare la base della storia, ma allo stesso tempo, ci sono delle similiarità e delle connessioni ovviamente.Per esempio i vampiri non invecchiano. C’era ,in un episodio di “True Blood” , Sookie preoccupata di questo e ovviamente succederà anche ad Elena. Qaundo lei avrà 40 anni Stefan ne dimostrerà sempre 17. Cose come queste sono universali nella mitologia dei vampiri. Sappiamo che questa non è una storia nuova, un’ umana che si innamora di un vampiro, così facciamo del nostro meglio per raccontare una storia classica aggiungendo il nostro tocco. Infine, andremo dove la storia ci porta.
Come scrittore, c’è più pressione nell’adattare del materiale scritto da qualcun altro, per preservare la materia orginale?
Si c’è molta più pressione.Vogliamo dare merito ai libri. Stiamo andando dove ci porta la storia, ma al contempo, volgiamo cercare di onorare i libri originali. Un romanzo non necessariamente si adatta ad una stagione di 22 episodi, così ci sono delle differenze ovviamente grandi. La nostra più grande preoccupazione è di onorare il tono dei libri e i temi maggiori. Volgiamo far risaltare la storia d’amore: il romanticismo, il tradimento.
I fans dei libri sono difficili da accontantare. Per il primo episodio, ho ricevuto molti commenti sul blog che dicevano , “No, ma Elena doveva essere bionda!”
Lo so! Ma non lo capisco. Ho riletto i libri, ho cercato qualcosa che specificasse il colore dei suoi capelli e …niente. Per essere sincero, cercavamo delle bionde durante il casting perchè dai libri si poteva dedurre che era bionda. Ma una volta vista Nina, non poteamo tornare sui nostri passi per la questione del biondo. Sinceramente, Nina arrivò e fece l’audizione che per sua stessa ammisione non andò per niente bene. Non si sentiva bene, era malata.Tornata in Canada sapendo che poteva fare meglio, ci spedì un video, e quando lo vedemmo, era deciso.
Non è stato cosi’ che Katie Holmes ebbe il suo ruolo? Ti piaciono i videotapes
Si è vero!Katie ci spedì una cassetta! Non sono io però. Tutti abbiamo visto il video e amato subito Nina-il network, Dawn Ostroff , tutti l’abbiamo amata.
E per il resto del cast? Quando stavate cercando Stefan e Damon avrete visto un sacco di persone.
Sai una cosa, con Damon, appena ho sentito che Ian Somerhalder era interessato alla parte, per quanto mi riguardava, era già sua. E’ venuto, lo abbiamo incontrato, e sapevo che era lui. Ma per essere sinceri, la prima volta che ha interpretato Damon, non lo aveva colto. Tutti dicevano, è proprio lui, è uguale a Damon, ma non lo esprimeva nella letttura del copione.Ma sapevo comunque che era lui. Dopo averci parlato, mi disse che era proprio il ruolo che stava cercando. Lo voleva così maledettamente, così a quel punto per me si trattava di farlo calare nel ruolo, convincendo il canale televisivo a scommetere su di lui. Ian era una scommessa. Noi ci abbiamo scommesso, e lui ha vinto.
Ovviamente hai fatto la scelta giusta. Interpreta Damon così bene. E’ difficile scrivere per Damon? E’ del tipo che cerchi di mantenere una particolare attenzione con il suo personaggio: non vuoi che gli spettatori lo odino, ma lui rimane un assassino.
Amo scrivere per Damon. Si tratta di rimanere fedeli a quello che Damon è, e Damon è un assassino.E’ guidato da questo amore per Katherine che cerca di ottenre di nuovo , ma nel profondo Damon è un assassino. E’ oscuro, e se qualcuno sta pensando che si ammorbidirà presto, sappia che dovrà aspettare molto. E’ un predatore vero ed ha bisogno di nutrirsi. Potrebbe l’amore di una donna forse cambiarlo un pò? C’è ancora dell’umanità in lui?
Forse. forse un giorno, ma oggi non è quel giorno. Non trattenete il respiro nel frattempo.
Una delle mie relaizoni preferite nello show è quella tra Stefan and Damon. E’ stato un colpo così duro al cuore venire a sapere che una volta erano . migliori amici adesso che sono così lontani dall’esserlo.
Sono fratelli. Stefan ha detto alcune volte: “Potevi uccidermi, ma sono ancora qui. Sono ancora qui.” Per me Stefan ha il percorso più interessante da compiere. Sta andando contro natura. E’ il suo istinto quello di nutrirsi, e lui sta lottando contro il suo istinto da così tanto tempo, ma si sa che ad un certo punto, dovrà cibarsi di sangue umano. Deve accadere! Così quando questo accadrà, sarà una grande storia da raccontare.
“The Vampire Diaries” sembra unire i tuoi due campi di interesse. E’ come “Dawson’s Creek” ambientato in un film horror.
Ho sempre sostenuto che gli anni dell’adolescenza sono come una grande film dell’orrore. La scuola superiore è un fil dell’orrore.
E’ vero. Quando sei un’adolescente, con chi ti siedi a mensa sembra la fine del monso, così aggiungere vampiri al tutto non sembra nemmeno un’idea così distante.
Questo è il motivo per cui scrivo sugli adolescenti. Una delle cose che ho imparato mentre scrivevo “Wasteland” è che per i ventenni è più: chi se ne importa? E’ solo un grande Chi se ne importa? Ne della vita ne della morte. Quando hai 25 anni , chi se ne importa se la tua relazione non funziona ? Ne inizierai un’altra.Ma quando ne hai 16, è tutto o vita o morte. Come ho scoperto, è solo in quel modo anche quando cresci. Quello è il tuo primo e ultimo amore. Quelli sono i momenti epici. Tutto il resto è solo di contorno.

Traduzione a cura di Kazami. E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questa traduzione senza i dovuti crediti ai traduttori e al sito

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: